x

Prodotto aggiunto al carrello

Quantità
Totale

Sono presenti 0 prodotti nel carrello E' presente 1 prodotto nel carrello

  • Totale prodotti (iva inclusa)  
  • Totale spedizione (iva inclusa)   Spedizione gratuita
  • Totale (iva inclusa)  
* Costi di spedizione stimati, effettua il login per maggiori dettagli.
< Continua lo shopping

Grolla valdostana - Coppa dell'amicizia

scorri

Grolla. L'antica tradizione della Valle d'Aosta

La grolla valdostana e la coppa dell'amicizia sono due oggetti tipici dell'artigianato in legno della Valle d'Aosta. La coppa dell'amicizia deriva dalla grolla, ma non deve essere confusa con questa. La coppa dell'amicizia è panciuta, larga e presenta i caratteristici beccucci (che servono per bere "à la ronde", cioè passandosi il recipiente di mano in mano, senza mai appoggiarlo). La sua origine risale a tempi antichi, quando era utilizzata quotidianamente come scodella di legno.

FILTRI

Prodotti

Ci sono
72 prodotti.
Ordina
Pagine

La grolla valdostana e la coppa dell'amicizia le differenze.

Sono due oggetti tipici dell'artigianato in legno della Valle d'Aosta. La coppa dell'amicizia deriva dalla grolla, ma non deve essere confusa con questa. Erroneamente viene anche chiamata grolla dell amicizia o grolla amicizia. 

La coppa dell'amicizia.

È panciuta, larga e presenta i caratteristici beccucci (che servono per bere "à la ronde", cioè passandosi il recipiente di mano in mano, senza mai appoggiarlo). La sua origine risale a tempi antichi, quando era utilizzata quotidianamente come scodella di legno.Solo col passare degli anni ha assunto l'odierna forma.

La grolla valdostana.

È un grande calice e, quindi, ha una forma verticale. L'etimologia di grolla è incerta, ma si dice che possa derivare dal Graal, il calice in cui bevve Gesù durante l'ultima cena. Di certo la grolla faceva parte fin dall'alto medioevo degli oggetti in uso nei castelli della Valle d'Aosta. La coppa dell'amicizia è tradizionalmente usata per bere il caffè alla valdostana.

Utilizzo. Bere in compagnia.

Per utilizzarla al meglio, la tradizione vuole che la coppa abbia tanti beccucci quanti sono gli amici che intendono partecipare al rito. La coppa deve essere passata in senso antiorario e ognuno deve attingere al proprio beccuccio. La coppa non deve mai essere appoggiata, ma deve passare di mano in mano fino a quando il caffè non è terminato. Passando di mano in mano, la "Coupe" dispensa a ciascuno la propria razione di caffè alla valdostana, con un ampio margine per ripetere il giro più e più volte. Difficilmente, però, si beve sempre dallo stesso beccuccio, e questo conferisce al rito quel tocco di promiscuità che crea aggregazione e coinvolgimento. Che crea amicizia, appunto. Tradizionalmente il caffè alla valdostana lo si beve nelle fredde giornate invernali, dopo una giornata sugli sci, intorno a un camino.

Grolla Ricetta.

Come abbiamo anticipato, parliamo di coppa dell'amicizia e non di grolla, quindi i termini, ricetta grolla e grolla valdostana ricetta sono concettualmente sbagliati. Detto questo andiamo a capire come si prepara la ricetta.

Caffè valdostano

Ingredienti: per 4 persone 4 tazzine di caffè lungo e bollente 4 bicchierini di grappa (50°/60°) 1 bicchierino di Génépy 8/10 cucchiaini di zucchero Scaldare il tutto in un pentolino e quando raggiunge il bollore versare nella coppa dell'amicizia. Cospargere abbondantemente l'orlo della coppa di zucchero e bagnarlo con grappa ( 50°/60°). Dare fuoco all'alcool che si sprigiona dall'interno mescolando con un cucchiaio sino a quando lo zucchero del bordo non sarà caramellato. Chiudere la coppa con il suo coperchio soffocando le fiammelle residue. Il caffè alla valdostana va bevuto con gli amici, usufruendo dei beccucci della coppa, alla ronde.

 

Copyright © 2016 Yndella.com di Andrea Menegazzi D.I. Tutti i diritti riservati.
Via Prebenda, 28 11100 Aosta (Ao) Italy C.F. MNGNDR85H04A326B - P.I. 01193680079
Tel. +39 0165 7741600 - Fax +39 0165 765203

DESIGN TEMBO